Film al cimema:

Stampa adesivi promozione film

 

WALK THE LINE

Quando l'amore brucia l'anima

Titolo: WALK THE LINE
Regia: James Mangold
Con: Joaquin Phoenix, Reese Witherspoon, Ginnifer Goodwin, Robert Patrick, Dallas Roberts, Dan John Miller.

WALK THE LINE - foto

SITO WALK THE LINE

“Lui parla per la gente disperata, gente che non può parlare o che nessuno sta a sentire” James Hetfield – Metallica. “Non c’è niente di così macho come la sua voce. Una vera e propria minaccia che non ti aspetteresti da un ragazzo di 22 annI” Bono – U2. “Lui rappresenta veramente quello che sono questa terra e questa nazione, ne è il cuore e l’anima personificati” Bob Dylan.
Parole di elogio e stima per un chitarrista mingherlino nato in Arkansas nel 1936, un’autentica icona - leggenda della musica: Johnny Cash. Ed Hollywood, da sempre appassionata di biopic (si ricordi il recente successo di “Ray”), non poteva lasciarsi scappare questa ghiotta occasione e così eccola puntare i suoi riflettori sulle vicende umane - artistiche di questo idolo della musica country: dalla nascita in una famiglia di contadini alla sua lenta ma inesorabile ascesa – con annesso periodo di turbolenza autodistruttiva – che lo vide al fianco di nomi prestigiosi del rock and roll come Elvis Presley, Jerry Lee Lewis e lasciare un’impronta indelebile con il suo originalissimo sound martellante ed ipnotico. James Mangold – regista del film “Quando l’amore brucia l’anima” – non ha deluso le aspettative: il pubblico americano ha molto amato la pellicola (appassionandosi soprattutto alla contrastata love story tra Cash e la cantante June Carter) e l’industria è stata subito pronta a segnalare il film ai prossimi Oscar che così ha conquistato ben 5 nomination alle ambite statuette. Meritatissime quelle per gli interpreti Joaquin Phoenix (un Cash nervoso, fragile e spontaneo che subito ci conquista) e Reese Witherspoon (una vera e propria rivelazione) mentre per il resto ci si trova di fronte ad un classico biopic hollywoodiano peraltro coronato da un happy end che fa felici pubblico e distribuzione - che vede premiata la pellicola con tanti bei soldini tonanti - poco però facendoci emozionare e coinvolgere. E soprattutto poco illuminandoci sulla grandezza e valore di un artista che nel suo “camminare sulla linea” in pericoloso equilibrio tra genio e sregolatezza risulta “insipido” e poco glamour ad un pubblico al di qua dell’Oceano. (TESTO DI CALOGERO MESSINA)

 

 

Studiocity.it - WALK THE LINE